Nicola Barbuti, docente presso il Dipartimento di studi umanistici dell’Università di Bari, racconta di una sperimentazione molto interessante sul Codice sinaitico della British Library, effettuata utilizzando un software per il riconoscimento grafico. L’uso di questo software ha rivelato che il manoscritto venne realizzato dalla stessa mano e non da mani differenti, come invece si era sempre ritenuto. Lo studio dei grafi, in questo caso, apre quindi delle prospettive di ricerca incredibili riguardo l’integrazione tra strumenti digitali e cultural heritage.

Nicola Barbuti. Referente Polo Apulian della Scuola a Rete DiCultHer

Sguardi digitali sul passato. Software di riconoscimento grafico

 

Categorie: NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: