PATRIMONIO, DIGITALE, EDUCAZIONE, EUROPA

Con lectio on-line del 5 novembre 2021, dalle ore 15:00 alle ore 17:00, da parte del Prof. Mario Rasetti sui temi dell’Intelligenza Artificiale e del suo impatto sulla conoscenza e sulla società, inizia il secondo ciclo di incontri on-line promossi dall’Associazione internazionale DiCultHer. Questo secondo ciclo di webinar, strettamente connesso alla programmazione delle attività DiCultHer per l’a.s. 2021-22, avrà cadenza settimanale fino alla settima edizione della Settimana della Cultura digitale (9-15 maggio 2022) e sarà reso disponibile, come peraltro tutti i webinar del primo ciclo, sul canale YouTube DiCultHer

Per l’a.s. 2021-22, seguendo il solco tracciato nel 2018 – Anno Europeo del Patrimonio Culturale- e tenendo conto delle istanze della presidente della Commissione europea per un nuovo Bauhaus europeo e dell’avvio della “Conferenza sul Futuro dell’Europa”, le occasioni offerte dai webinar, vogliono rappresentare dei veri e propri spazi di dialogo su quel che ci aspettiamo dall’UE domani e su come possiamo contribuirvi oggi. Prospettive queste che hanno dato origine, peraltro, alla revisione delManifesto Ventotene Digitale. L’Occasione digitale per la cultura e l’Europa che avevamo presentato nel 2017, quale contributo all’anno europeo del patrimonio culturale (2018), in occasione degli ottanta anni dal Progetto di Manifesto “Per un’Europa libera e unita” di Spinelli-Rossi.

Spazi di dialogo attivati da DiCultHer mediante un processo di coinvolgimento del mondo della Scuola attraverso i temi delle Sfide di  #HackCultura2022, L’hackathon delle studentesse e degli studenti per la “titolarità culturale” finalizzato all’attuazione della Convenzione di Faro nell’era digitale, ma anche e soprattutto attraverso gli approfondimenti offerti dai webinar che accompagneranno docenti, studentesse e studenti durante questo anno scolastico.

Convenzione di Faro, Futuro dell’Europa, nuovo Bauhaus europeo, Manifesto Ventotene Digitale invito ad unirsi alla discussione e a trovare insieme il percorso da seguire”, rappresentano specificatamente gli obiettivi di questo nuovo ciclo di incontri on-line organizzati da DiCultHer e i suoi partner, per riappropriarsi della titolarità partecipata all’Europa ripartendo dalla Cultura come bene comune grazie alla creatività dei nostri giovani e delle «comunità di patrimonio», nello spirito della Convenzione di Faro.

Un ciclo d’incontri con una attenzione costante all’innovazione, ai temi dell’inclusione sociale, dell’interculturalità, della sostenibilità e del contrasto dei pregiudizi verso le differenze di genere, di cultura, di età, di provenienza, di abilità, di colore della pelle, per un’idea rinnovata di “spazi di apprendimento” nei sistemi educativi e formativi intesi come “agorà virtuali dell’innovazione pedagogica”.

Valori essenziali che l’Europa ci ripropone come presupposto base ad ogni politica di ricostruzione e sviluppo e come premessa indispensabile per ogni piano di sviluppo, mediante la crescita di una nuova “società della conoscenza”, che prenda le mosse dalla risorsa più importante che possediamo, ovvero il “capitale immateriale”, il “capitale umano”, e cioè le persone, l’io e il noi: i nostri giovani! Perché il futuro andrà costruito, passo dopo passo, perseguendo la saggezza implicita delle 4 C: Competenza, conoscenza, creatività e crescita.

In questa direzione, la Convenzione di Faro ci indica la strada da percorrere, facendo emergere con tutta la forza la necessità di sostenere il pieno coinvolgimento dei nostri ragazzi e dei loro docenti ​nei processi di costruzione identitaria e di cittadinanza attiva partendo proprio dal Patrimonio culturale e dal riconoscimento del valore della “Cultura Digitale” per sviluppare la piena consapevolezza nella Comunità educante tutta, del PROPRIO RUOLO nei processi di sviluppo identitari. Ma anche per promuovere laTitolarità’ Culturale” esercitata con diritto e la ‘presa in carico’ di una responsabilità comune e condivisa rispetto ad un bene comune, che ereditiamo dal passato (o che prendiamo in prestito dal futuro), e che abbiamo la possibilità di progettare e co-creare oggi nell’ambito degli ecosistemi culturali in cui viviamo, sperimentiamo ed esercitiamo, con la prospettiva di lasciare a nostra volta questa eredità a chi verrà dopo di noi.

Queste prospettive non solo rappresentano l’ambito culturale dell’agire di DiCultHer, ma l’occasione per sperimentare gli assunti e i dettami della Convenzione di Faro attraverso anche una contestualizzazione del concetto di Patrimonio Culturale alle comunità scolastiche territoriali di appartenenza, per la conservazione dei patrimoni culturali e paesaggistici presenti nei territori di riferimento delle comunità

Un protagonismo delle nostre Scuole per l’esercizio del proprio diritto all’istruzione, del diritto all’accesso ai saperi, del diritto all’innovazione, del diritto alla cultura, del diritto ad Internet nello spazio formativo/educativo scolastico quale irrinunciabile azione per una “appropriazione culturale” dei territori e della formazione alla cittadinanza“, quale segno distintivo di una scuola moderna che riconosce al digitale il suo autentico ruolo di facies culturale dell’epoca contemporanea per raccogliere la straordinaria eredità culturale  e storica del nostro Paese e dell’Europa per rimodellarla grazie alla creatività dei nostri ragazzi e al coinvolgimento delle «comunità patrimoniali».

CONTENUTI DEI WEBINAR in progress

DATA/ORA TITOLORELATORIISCRIZIONE
05/11/2021
Ore 15:00-17:00
“UNITA’ DEL SAPERE” nella complessità dell’AIMario Rasetti PoliTO 
12/11/2021
Ore 15:00-17:00
Verso la Conferenza Futuro dell’EuropaStati Generali delle Donne (SGD) 
19/11/2021
Ore 15:00-17:00
Riuso Contenuti Digitali culturali  
26/11/2021
Ore 15:00-17:00
 Educazione, sostenibilità, Agenda 2030  
03/12/2021
Ore 15:00-17:00
Educare all’Umanesimo Solidale  
10/12/2021
Ore 15:00-17:00
Diritto all’Istruzione, alla Cultura, ad internetSGD 
17/12/2021
Ore 15:00-17:00
 Reti di Scopo sulla Convenzione di Faro