Il 10 Dicembre a Campobasso [dalle 9:30 alle 13:00, presso l’Università degli Studi del Molise-Sala “A. Genovesi”] il Polo Molisano della Rete Nazionale DiCultHer (Digital Cultural Heritage) e il Dipartimento di Scienze Umanistiche, Sociali e della Formazione (SUSEF) dell’Università degli Studi del Molise organizzano un importante momento di confronto tra esperti del mondo della scuola, della ricerca e della formazione universitaria e del sistema dei beni culturali dedicato alla Convenzione di Faro e alle sue implicazioni nell’uso delle tecnologie e piattaforme digitali in relazione alla salvaguardia e valorizzazione dei patrimoni culturali, dal titolo: IL DIGITALE E IL PATRIMONIO CULTURALE: Convenzione di Faro – Piattaforma Blockchain – #LRXCulture – Carta di Pietrelcina.

Servizio TG3 Molise del 10 dicembre sul Seminario https://www.rainews.it/tgr/molise/video/2019/12/mol-era-digitale-patrimonio-culturale-unimol-2f5de789-c06a-459f-8eef-15a71e5b750d.html

A cinque dalla nascita della Rete DiCultHer a livello nazionale, a tre dall’inizio delle attività su questo tema in Molise e a uno dalla costituzione ufficiale del Polo regionale si intende fare un bilancio delle molte esperienze di riflessione e di sperimentazione didattica messe in atto, delle importanti collaborazioni istituite a livello nazionale e internazionale in questi anni e dei progetti che si stanno preparando per l’immediato futuro.

Pensiamo che la presa in carico e la cura da parte delle “comunità di eredità” del proprio patrimonio culturale passi dalla presa di coscienza in primo luogo delle giovani generazioni di ciò che condividono e sono chiamate a custodire: questo può essere realizzato in modo decisamente più efficace grazie all’interazione, tra l’altro particolarmente familiare ai ragazzi, con le tecnologie e le forme di comunicazione e di espressione digitale, ottenendo così anche il risultato di veicolare un impiego virtuoso e condiviso delle nuove tecnologie contro un uso solitario e negativo. Le nuove tecnologie, inoltre, offrono opportunità di implementazione dal basso ed espressione creativa rispetto ai temi patrimoniali che possono rappresentare non solo una sollecitazione educativa straordinaria, ma anche una linea di sviluppo delle politiche culturali cruciali per il nostro Paese.

Di questo e di molto altro si discuterà in questo incontro cui parteciperanno oltre a docenti dell’Università del Molise, rappresentanti del MiBACT, dell’USR, dei diversi Poli DiCultHer regionali e delle Commissioni governative direttamente interessate dal tema oltre agli studenti di diversi Istituti scolastici locali e dell’Università.

Categorie: NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: