Un grande privilegio per il Network DiCultHer poter far parte dell’iniziativa “Dentro tutti”, un progetto collettivo di responsabilità sociale, cui partecipano le principali Istituzioni del Terzo Settore nazionali.

Dentro tutti” è una testata multicanale (un po’ carta, un po’ rete, un po’ social) che raccoglie e promuove i grandi temi delle sostenibilità sociale, culturale, ambientale i cui contenuti sono Creative Commons, condivisibili e replicabili da tutti per sperimentare nuovi linguaggi partecipativi sui grandi temi di Cittadinanza responsabile.

E’ una iniziativa che vede i giovani protagonisti in percorsi di racconto, testimonianza e partecipazione nella cultura della Cittadinanza europea per costruire uno spazio comune che li vedrà “redattori” collettivi del loro Futuro.

Ripartire dalla cultura come bene comune e come condivisione sarà l’impegno di #DiCultHer nell’”avventura” di “Dentro Tutti”, ritenendo assolutamente prioritario per i propri obiettivi offrire al Paese e al mondo dell’istruzione in particolare, le proprie riflessioni, il propri agire, nella consapevolezza che il coinvolgimento consapevole dei giovani e dei loro docenti sia prioritario per renderli protagonisti nei processi di costruzione identitaria e di cittadinanza attiva.

Un impegno a tutto campo per sostenere nei giovani la consapevolezza di quanto sia importante riappropriarsi della titolarità partecipata della propria eredità culturale ripartendo proprio dal riconoscimento del valore della “Cultura Digitale”, intesa come strumento per sviluppare la piena consapevolezza del proprio ruolo, nel proprio tempo, attraverso un’attenzione costante all’innovazione, ai temi dell’inclusione sociale, dell’interculturalità, della sostenibilità e del contrasto dei pregiudizi verso le differenze di ogni genere, di cultura, di età, di provenienza, di abilità, di colore della pelle.

“Cultura Digitale” per una Media Education e formazione di riferimento per la rete per un’idea rinnovata di “spazi di apprendimento” per favorire la conoscenza approfondita dell’uso consapevole del Web, delle tecnologie ad esso collegate e degli strumenti e tecniche di comunicazione rese disponibili dal digitale per una comunicazione eticamente efficace.

Un grande privilegio per #DiCultHer poter far parte di questa Rete che si riconosce nei Valori della nostra Costituzione, per valorizzare la cultura del dono e per riaffermare la ricchezza, la varietà e la molteplicità delle culture e dei “paesaggi sociali e culturali” nazionali ed europei nello sforzo di realizzare uno spazio pubblico, sociale e comunicativo, in grado di sostenere con chiarezza il valore dell’essere Persone, il valore dell’essere Cittadini, il valore di essere e far parte di quell’importante visione che si chiama Europa.

Obiettivi questi già ribaditi nel Manifesto Ventotene Digitale nato nel 2017 in vista dell’Anno europeo del patrimonio culturale (2018): ripartire dalla cultura come bene comune e come condivisione “per ridisegnare la prospettiva di interventi in direzione del rafforzamento dell’identità europea e del suo sviluppo sociale, nella vita, nel lavoro, nella condivisione dei valori comuni” e sottolineati con forza nella “Carta di Pietrelcina sull’educazione all’eredità culturale digitale ” elaborata da DiCultHer sul valore culturale delle nuove entità computazionali prodotte nell’Era Digitale contemporanea per dare identità al nuovo Digital Cultural Heritage definito dall’UE nell’Art. 2 delle Conclusioni del Consiglio del 21 maggio 2014 relative al patrimonio culturale come risorsa strategica per un’Europa sostenibile (2014/C 183/08).

Un impegno quello di #DiCultHer per sostenere le nuove generazioni nella conoscenza sia delle dimensioni e dei valori rinnovati assunti dell’Eredità Culturale tangibile e intangibile, sia del più vasto universo del nuovo Digital Cultural Heritage attraverso l’integrazione fra saperi umanistici tradizionali e conoscenze di metodi e tecniche computazionali nella strutturazione della nuova Cultura Digitale, verso un futuro che pone al centro la ‘creatività’ dei giovani per affrontare, mediante l’uso consapevole del digitale e con approcci innovativi, la conoscenza, l’accesso partecipato, la gestione, la presentazione, la fruizione, la conservazione e valorizzazione del Digital Cultural Heritage, per “garantire a tutte le studentesse e a tutti gli studenti le competenze chiave per affrontare i cambiamenti e le sfide del loro presente, per proiettarsi al meglio nel futuro, per diventare cittadine e cittadini attivi e consapevoli, capaci di condividere valori comuni e di confrontarsi positivamente con l’altro”.

In questo senso, diritto all’istruzione, accesso alla cultura, sovranità culturale-epistemologica, sono istanze da cui generano principi quanto mai importanti e fondamentali, come quello della TITOLARITÀ’ CULTURALE esercitata con diritto e la “Presa in carico” di una responsabilità comune e condivisa rispetto a un bene comune, sia a ciò che ereditiamo dal passato, sia a ciò che abbiamo la possibilità di progettare e co-creare oggi nell’ambito degli ecosistemi culturali in cui viviamo, sperimentiamo ed esercitiamo, con la prospettiva di lasciare a nostra volta questa eredità a chi verrà dopo di noi.

Categorie: NEWS

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: