Gli adolescenti di 60 città di tutto il mondo si sono riuniti il 27 marzo 2020 per affrontare insieme il coronavirus

Organizzati da Scholas Occurrentes e con la benedizione di Papa Francesco, oltre 120 studenti provenienti da 60 città di tutto il mondo si sono riuniti al Primo incontro mondiale dei giovani sul Coronavirus per affrontare insieme questa sfida globale.

A poco a poco hanno iniziato ad apparire sugli schermi. Piccole immagini, alcune più pixelate di altre, rivelavano gli occhi del primo mattino, in Messico, dove erano i gufi dell’alba o della notte, dal Giappone. Un mosaico di volti, tutti giovani, ha inondato lo schermo … E le cuffie: “Ciao!,” Ciao! “,” Ciao! “,” Kon’nichiwa! “,” Bonjour! “,” Alo “, Olá ! ”, Saluti e grida di felicità in mezzo al caos e alla paura.

Pertanto, è stato lanciato il primo incontro mondiale sul cyber-coronavirus per parlare e condividere tutto ciò che sta accadendo a loro e alle loro famiglie.

Categorie: NEWS

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: