Autori

Luisa Aiello
Comitato di redazione

Luisa Aiello, INDIRE

Articoli: [1]La cultura, il digitale e l’educazione alla complessità nella scuola del secondo ciclo

Michela Antino
Comitato di redazione

Michela Antino. Laureata in comunicazione pubblica e d’impresa presso l’Università di Bologna, con un progetto di tesi magistrale in sociologia della comunicazione multimediale dal titolo “Digitalizzazione della comunicazione museale: i musei italiani durante il lockdown”.

Articoli: [2]La digitalizzazione della comunicazione museale

Maria Beatrice Artizzu
Comitato di redazione

Maria Beatrice Artizzu. Architetto. Si diploma al Liceo Artistico di Cagliari dove attualmente è docente di Architettura e Ambiente. Consegue la Laurea all’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, si perfeziona presso la Facoltà di Architettura de La Sapienza di Roma e l’Università Tecnica di Architettura di Lisbona. Collabora con il Ministero dei Beni Culturali e partecipa a vari progetti di studio e catalogazione di beni ambientali e architettonici: Le piazze storiche dell’Italia meridionale ed insulare, Archeologia Industriale: Miniere Sardegna-Belgio, Museo dell’Arca del Tempo nel Parco Archeologico di Cuccuru Nuraxi, Expò delle Città Regie in Sardegna. Collabora con DiCultHer The Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities School e gli Stati Generali dell’Innovazione. Didattica digitale: dal modello 3D alla presentazione dei progetti nei siti didattici con supporti di immagini, rendering, video, schede complesse e mappe georefenziate, esperienze immersive in Realtà Virtuale VR e applicazioni in Realtà Aumentata AR, con particolare attenzione al patrimonio culturale, ambientale e nuove tecnologie come sistema di nuove professioni correlate e tecnologie digitali applicate alla conservazione, sostenibilità, salvaguardia, valorizzazione, accessibilità del patrimonio.

Articoli: [3]Didattica Digitale al Liceo Artistico Musicale “Foiso Fois” di Cagliari – Architettura e Ambiente: 3D Realtà Virtuale e Realtà Aumentata

Gianfranco Bandini Comitato Scientifico

Gianfranco Bandini è professore ordinario di Storia della Pedagogia presso l’Università di Firenze. E’ autore di pubblicazioni su tematiche pedagogiche e educative Otto-Novecentesche in chiave storico-sociale, con particolare attenzione alla riflessione etodologico-storiografica e all’approccio della Public History. Dal 2016 è co-direttore della “Rivista di storia dell’educazione”.

Articoli: [4]Digitale e uso didattico del Patrimonio Culturale, tra laboratorio e linguaggi della Public History

Carmela Basile

Carmela Basile è Responsabile di Europe Direct Molise dal 2007 e dell’Ufficio Programmazione europea della Provincia di Campobasso dal 2016. È autrice di pubblicazioni su tematiche europee, si occupa di progettazione europea, è relatrice in convegni e seminari.

Articoli: [5]La Conferenza sul futuro dell’Europa

Letizia Bindi
Comitato Scientifico

Letizia Bindi has studied at University of Rome “La Sapienza” (Degree and Ph.D), at EHESS in Paris (Diplome d’Etudes Approfondies) and at Johns Hopkins University of Baltimore (US, Maryland). She has teached Cultural and Social Anthropology in many Italian Universities (Rome, Naples, Trieste, Campobasso). She has been Visiting Scholar in various European Universities (Amiens, Valladolid, Barcelona, Sevilla, Katowice-Ciezsyn). She is a member of: SIAC (Italian Society of Anthropologists), EASA (European Association for Social Anthropology), of European Center on Popular Religion (Valladolid) and of the Teachers Committee of Ph.D. Programme of the University of Campobasso. She cooperated from 1991 with RAI (Italian Radio Television). Member of the Editorial Board of “Voci. Human Sciences Review”. In 2009 winner of the Tanturri Foundation Prix for Anthropological and Popular Traditions Studies. In 2018 she obtained as Principal Coordinator the Erasmus Caapacity Building Project ‘EARTH – Education, Agriculture, Resources for Territories and Heritage’ with 12 partners from France, Spain, Argentina, Paraguay and Bolivia and of the Italo-Argentinian Project of Research “TraPP. Trashumancia y Pastoralismo como elementos del Patrimonio Inmaterial” (supported by CUIA/CONICET). She is the Director of the Research Centre ‘BIOCULT’ on Bio-culltural heritage and local development of University of Molise.

Articoli: [6]Etnografie in rete. Comunità patrimoniali e digitale

Alberto Blanco-Uribe Quintero

Alberto Blanco-Uribe QuinteroAlberto Blanco-Uribe (@albertobuq) | Twitter. Abogado “Magna cum Laude” y especialista en derecho administrativo, Universidad Central de Venezuela; especialista en derecho ambiental y de la ordenación del territorio y en derecho público, Universidad de Estrasburgo (Francia); y especialista en justicia constitucional y en derechos humanos y garantías, Universidad de Castilla-La Mancha (España). Profesor de derechos humanos, Universidad Central de Venezuela. Coordinador General del Observatorio Iberoamericano de Derecho Ambiental, Patrimonio Cultural y Paisaje de la Asociación Juristas de Iberoamérica. Director para Francia y países francófonos del Método Pedagógico Internacional Reconnecting With Your Culture RWYC.  albertoblancouribe@gmail.com / @AlbertoBUQ

Articoli: [7]Cultura y derechos humanos

Elisa Bonacini
Comitato Scientifico

Elisa Bonacini è un’archeologa, specializzata nella comunicazione culturale con le nuove tecnologie e i social media. Ha pubblicato numerosi libri e articoli scientifici (la lista completa è su https://usf.academia.edu/ElisaBonacini). È la coordinatrice regionale per la Sicilia del progetto nazionale Invasioni Digitali (https://www.invasionidigitali.it), dell’Associazione Nazionale dei Piccoli Musei (https://www.piccolimusei.com) e del progetto, divenuto una best practice partecipativa, #iziTRAVELSicilia (https://izi.travel/it/search/sicilia) sulla piattaforma globale izi.TRAVEL, su cui coordina la pubblicazione di centinaia di audioguide multimediali.

Articoli: [8]Storytelling digitale in ambito culturale e il suo ruolo in ambito educativo

Silvia Cacciatore

Silvia Cacciatore, Università Ca’ Foscari (Dipartimento di Management). Si occupa di temi legati all’economia e al management della cultura, in particolare legati alla data analysis. Dopo aver studiato teatro e il settore delle arti visive, in cui ha lavorato per più di dieci anni, ha rivolto la sua attenzione al business e al management culturale, e infine alla ricerca. Attualmente lavora come assegnista di ricerca, consulente e project manager, indagando il settore museale, svolgendo ricerche sulle industrie culturali e creative, studiando le sperimentazioni artistiche nelle aziende, oltre a dedicare particolare attenzione al rilancio del settore dello spettacolo dal vivo.

Articoli: [9]Visualizing Data. Apprendere dalle immagini

Raffaella Calgaro
Comitato di redazione

Raffaella Calgaro, docente di Italiano e Storia, fa parte di un gruppo di ricerca di INDIRE sulla didattica laboratoriale della storia. Si occupa di storia di genere e ha pubblicato  “Adele Pergher profuga. Una storia dimenticata”. “Una maestra ribelle” il quaderno storico delle Piccole scuole (Indire): “Maestre di frontiera- Storie di piccole scuole nel lungo corso del XX secolo” con P. Giorgi. Ha scritto: le pièce teatrali: “Madri”; “Adele Pergher-profuga”; lo spettacolo: “DER Musik macht frei” (scrittura e regia).

Articoli: [10]Contaminazioni digitali

Francesca Caprino
Comitato di redazione

Francesca Caprino. Psicologa, si è occupata a lungo di formazione degli adulti. Dal 2006 svolge l’attività di ricercatrice avendo come focus principale le nuove tecnologie per la didattica, l’inclusione scolastica, l’Universal Design for Learning. Ha collaborato a numerosi progetti di ricerca nazionali e internazionali. Dal 2014 è ricercatrice presso INDIRE.

Articoli: [11]Da periferie a centralità educative e culturali: il progetto la scuola allo schermo

Piero Chiabra

Piero Chiabra, Associazione DiGenova, si è occupato di robotica per operazioni in ambienti ostili, consulente esperto della Commissione Europea per le problematiche di ricerca industriale, nonché consigliere nazionale della Società Italiana di Robotica, e professore a contratto presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Genova.

Articoli: [12]La scuola e il futuro [13]I giovani, la scuola, il futuro

Daniela Cotimbo
Comitato di redazione

Daniela Cotimbo (Taranto, 1987) è storica dell’arte e curatrice indipendente di base a Roma. La sua ricerca è focalizzata sull’intercettare le istanze problematiche del presente attraverso il rapporto con i diversi mezzi espressivi, in particolare le nuove tecnologie. Recentemente ha ideato e curato il Re:Humanism Art Prize, primo premio d’arte dedicato al rapporto tra arte e Intelligenza Artificiale. Tra i progetti curatoriali più recenti si ricorda: 2019 – Complessità – performance di Enrica Beccalli e Roula Gholmie per Digitalive, Romaeuropa Festival, Roma; Re:Humanism Art Prize, mostra collettiva, Albumarte, Roma; 2018 – Ionian Archaeological Archives, personale di Marco Emmanuele, Bivy, Anchorage; 2017- Die andere Saite – Massimiliano Tommaso Rezza, Colli Independent art gallery, Roma. Collabora attivamente come contributor per diverse riviste e magazine di settore.

Articoli: [14]L’IA come esperienza del limite

Francesca De Santis

Francesca De Santis. Collaboratrice alla ricerca INDIRE, la sua attività di ricerca si rivolge all’analisi dei processi di innovazione nella scuola di piccole dimensioni e alla documentazione delle pratiche didattiche con un’attenzione particolare alle pluriclassi e alle esperienze di scuola diffusa e aperta al territorio.

Articoli: [15]La pedagogia del patrimonio per ripensare il curricolo della piccola scuola. Il museo come terzo spazio educativo

Barbara Distefano

Barbara Distefano

Articoli: [16]European Summer University in Digital Humanities “Culture and Technology” – Leipzig University, 2nd- 13th August 2021

Christian Gamper

Christian Gamper. General Affairs & HR presso il Consorzio Agrario di Bolzano

Articoli: [17]Ambienti digitali e sviluppo dell’audience nei musei. Monitoraggio dell’esistente e analisi delle potenzialità

Pamela Giorgi  Direttore editoriale

Pamela Giorgi. Primo ricercatore Indire e giornalista. Dal 2001 si dedica al riordino e alla valorizzazione di vari archivi di personalità dell’arte e della cultura del Novecento. Coordina dal 2008 l’Archivio storico Indire, prestando attenzione particolare, sia alla storia di Indire stesso, erede della Mostra Didattica Nazionale del 1925 (si veda a proposito “Dal Museo Nazionale della scuola all’Indire” Giunti, 2009; e “Radici di futuro: l’innovazione a scuola attraverso i 90 anni di Indire”, Contini, 2015), sia, più ampiamente, alla storia del sistema scolastico italiano (si veda ad esempio “Matite razziste. Scuola e leggi razziali”, Bibliografia e informazione, 2013; “Nessuno escluso. La lunga strada dell’inclusione nella scuola italiana”, Apice libri, 2018; “Per gioco e sul serio. Libri di ricreazione e libri di lettura del Fondo Antiquario di letteratura giovanile Indire”, Indire, 2018; “Lo straniero di carta. Educare all’identità tra Otto e Novecento“, Tab Edizioni, 2020), divenuto ormai uno dei principali focus della sua attività di ricerca. Dal 2009 ha privilegiato tra tutte le tipologie documentarie quella fotografica, incentivata principalmente dall’attività di riordino dell’importante fototeca conservata in Indire (resa oggi integralmente accessibile in rete con il data base Indire ‘Fotoedu. Fondi fotografici per la storia della scuola e dell’educazione’ e valorizzata con il catalogo e la mostra “L’Obiettivo sulla scuola: immagini dall’archivio fotografico Indire”, Giunti, 2011). Il succedaneo volume curato “Barbiana e la sua scuola: immagini dall’Archivio Don Lorenzo Milani”, Aska, 2014, è frutto dello studio dell’archivio fotografico scolare di Don Lorenzo Milani. Dal 2014 è docente di Storia dei processi formativi presso l’Università IUL, dal 2021 è direttore editoriale della rivista ‘Culture Digitali’ e docente al Master “Territori Digitali. ICT, Innovazione Sociale e Comunità Patrimoniali in rete”, Università del Molise

Articoli: [18]Digitale e uso didattico del Patrimonio Culturale, tra laboratorio e linguaggi della Public History [19]‘Evolución, historia y comunicación en un mundo digital’: un libro di Ramon Reig [20]Modelli virtuosi del passato per azioni pedagogiche contemporanee: il lavoro cooperativo di ‘raccontare una storia’ nella Sfida #HackCultura2021 n. 7 “Mille mani per una storia”

Maritza Acuña Herrera

Maritza Acuña Herrera. Licenciada en Educación. Magister en Educación Ambiental. PHD en Educación Ambiental. Vicepresidenta de RWYCVZLA (2021) Coordinadora General de la ACE “Pequeños Científicos”. Líder Internacional de Educación Ambiental Vitalis (2019-2021) Directora General Museo de Ciencias de Caracas (2014-2015) Profesora de Didácticas de las Ciencias Escuela de Educación de la Universidad Central de Venezuela (2003-2014)

Articoli: [21]Así valoran los niños y niñas de Venezuela su Patrimonio Cultural y Natural

Bernard Hugonnier
Direttore editoriale per l’Europa

Bernard Hugonnier. Formazione in economia e filosofo politico, attualmente professore di scienze dell’educazione all’Istituto Cattolico di Parigi, presidente dell’associazione dei pensionati e del fondo di previdenza OCSE; membro di Whiteshield Partners (una società di consulenza Londra). Ex esperto internazionale dell’OCSE, ha lavorato nei seguenti campi: macroeconomia, controllo dei cambi, regolamentazione delle multinazionali, politica territoriale, politica dell’istruzione.

Articoli: [22]Le nouveau Bauhaus en faveur de l’émergence de la culture européenne

Carlo Infante
Comitato Scientifico

Carlo Infante è docente di Performing Media, progettista culturale,  brainstormer, opinionista e presidente-managing director di Urban Experience. Ha diretto, negli anni Ottanta, festival come Scenari dell’Immateriale, condotto (anche come autore) trasmissioni radiofoniche su Radio1 e Radio3, televisive come Mediamente.scuola su RAI3  e Salva con Nome su RAInews24 (nel 2009). Ha  ideato (in occasione delle Olimpiadi Torino 2006)  format web, come il geoblog (che permetteva di scrivere storie nelle geografie, ben prima di GoogleMaps), che esplicitano la tensione creativa di una Social Innovation agita nel territorio (come è accaduto con i Performing Media Lab in Salento, per La Notte della Taranta, e in Piemonte all’interno di un Bene Confiscato alle Mafie di cui è titolare con l’associazione teatron.org). E’ tra i fondatori di  Stati Generali dell’Innovazione. Ha curato per l‘Enciclopedia Italiana Treccani (Scienza e Tecnica- doppio volume su Informatica) il saggio Culture Digitali e diversi lemmi correlati.

Articoli: [23]L’apprendimento dappertutto, per riequilibrare il rapporto tra naturale e artificiale [24]Performing Media, agire i media per non subirli

Laura Isgrò


Laura Isgrò

Articoli: [25]Il discorso interculturale fra educazione e società: una questione di forma mentis

Antonio Lampis

Antonio Lampis ha diretto per tre anni la Direzione Generale dei Musei d’Italia presso il MiBACT (ora MiC). Il suo percorso nella sede di Roma è cominciato a settembre 2017, in un’epoca in cui ancora non immaginavamo la pandemia e tutte le sue drastiche conseguenze. Da agosto 2020, invece, è ritornato nella sua città di origine Bolzano, dove ricopre il ruolo di Direttore del Dipartimento Cultura Italiana, Ambiente ed Energia presso gli uffici della Provincia autonoma di Bolzano. Sotto la sua guida la Direzione Generale dei Musei ha apportato importanti cambiamenti al sistema museale italiano, delle evoluzioni che con l’arrivo della pandemia si sono dimostrate fondamentali: il Piano Triennale per la Digitalizzazione e l’Innovazione dei Musei e l’avvio del Sistema Museale Nazionale.

Articoli: [26]La digitalizzazione della comunicazione museale

Giuseppe Lanese
Comitato di redazione

Giuseppe Lanese. giornalista, comunicatore, formatore. Resp. Comunicazione USR Molise. Comitato scientifico Osservatorio nazionale comunicazione digitale PASocial e Ist. Piepoli

Articoli: [27]La scuola italiana deve occuparsi di comunicazione digitale [28]Vita reale e virtuale si contaminano a vicenda, occorre educare i giovani in entrambi i mondi

Elisabetta Betty L’Innocente
Coordinamento editoriale

Elisabetta Betty L’Innocente, Docente di lettere, sceneggiatrice ed autrice, La Scuola allo Schermo INDIRE. Docente di lettere e appassionata cinefila si avvicina alla sceneggiatura nel 2010 firmando il biopic In the fabulous underground insieme al regista Claudio Romano, proiettato all’Ecu Festival di Parigi nel 2013, all’Anthology Film Archives di New York nel 2014 durante una rassegna curata da Jonas Mekas, Il sodalizio artistico si riassume nella loro casa di produzione indipendente Minimal Cinema. Nel 2015 danno alla luce il lungometraggio Ananke, film in 16mm b/n prodotto da Gianluca Arcopinto e presentato in anteprima a Pesaro durante la rassegna Esordi Italiani proprio dal direttore Pedro Armocida.
Nel 2016 e nel 2017 i corti Con il vento e Verso casa sono presenti alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro nella sezione SATELLITE – visioni per il cinema futuro. Nel 2018 esce il film Incanto, proiettato in anteprima al Laceno d’oro Film Festival.

Articoli: [29]Storia di un film breve che volò sullo schermo [30]Le parole allo schermo: Riflessioni a latere su una rubrica (im)possibile [31]Il lucernaio magico e sospeso negli anni venti del 2000. Il cinema a scuola come linguaggio inclusivo

Isa Maggi

Isa Maggi

Articoli: [32]Intervista a Piera Rossi, regista, autrice, scrittrice, donna di cultura

Giuseppina Rita Jose Mangione
Comitato dei revisori scientifici

Giuseppina Rita Jose Mangione. Phd in Telematica e Società dell’Informazione. Primo ricercatore presso INDIRE, Area per la ricerca sul Sistema scolastico.. Responsabile della Struttura di ricerca “Innovazione metodologica e organizzativa nelle scuole piccole” e del Movimento delle Piccole Scuole.  Coordinatore del Nucleo Territoriale SUD.  La sua ricerca approfondisce il ruolo delle ICT delle situazioni di isolamento e pluriclassi e la valorizzazione della dimensione territoriale nella forma organizzativa della piccola scuola.

Articoli: [33]La pedagogia del patrimonio per ripensare il curricolo della piccola scuola. Il museo come terzo spazio educativo

Laura Moschini

Laura Moschini.

Articoli: [34]Gender mainstreaming, culture digitali, sostenibilità: da STEM a Digital SHTEAM

David Alberto Murolo, originario di Reggio Calabria, ha ricoperto diversi e importanti ruoli per la nascita e lo sviluppo di aziende innovative, nella creazione di contenuti e tecnologie multimediali, nei settori dell’arte e degli audiovisivi, finalizzati alla promozione dei beni culturali. Appassionato di musica, arte e letteratura odeporica, coltiva la sua passione per il Mediterraneo, anche attraverso progetti culturali e artistici internazionali, rivolti soprattutto alla rigenerazione sociale, urbana e paesaggistica. È autorevole membro del Comitato Scientifico della nostra rivista Culture Digitali.

Articoli: [35]La rivalutazione della Magna Grecia – cultura, identità e appartenenza – nel rapporto fra tradizione e modernità

Olimpia Niglio
Direzione

Olimpia Niglio (Italia). Architetto, dottore in Conservazione dei beni culturali presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e post Ph.D presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica. Professore di Storia dell’Architettura Comparata e Patrimonio Culturale alla Hosei University in Giappone, è visiting professor in molte università straniere. È vicepresidente di ACLA “Asian Cultural Landscape Association” (Seoul-Korea) e vicepresidente ICOMOS PRERICO (Places of religion and ritual, Francia). Nel 2021 è nominata nel progetto italiano “Talenti per il Sud” promosso dal Ministro Affari Esteri e Cooperazione Internazionale per studiosi italiani all’estero. È autrice di importanti pubblicazioni scientifiche in inglese e spagnolo che analizzano il tema dei Beni Culturali tra Oriente e Occidente. Nel 2020 ha disegnato e promosso il programma pedagogico “Reconnecting with your culture”, attivo in tutto il mondo, e del cui movimento culturale intercontinentale è presidente.

Articoli: [36]Reconnecting With Your Culture. Draw your heritage (RWYC) [37]CARTA DI TOKYO

Stefano Oliviero Comitato Scientifico  

Stefano Oliviero Professore Associato di Storia della Pedagogia presso il dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia (FORLILPSI) dell’Università di Firenze, insegna Storia dell’educazione e Storia dei processi formativi. I suoi interessi di ricerca si sono concentrati in un primo momento sulla storia politica e sociale delle istituzioni scolastiche ed educative e sulla storia dell’editoria scolastica e della diffusione dei libri. Negli ultimi anni ha invece dedicato i suoi studi alla storia dell’istruzione di massa e dei giovani, alla storia dell’infanzia e delle memorie scolastiche e educative. Il filone principale di ricerca a cui sta dedicando attualmente maggiore attenzione è però il rapporto tra educazione e consumo nel corso del tempo e alle tematiche che ruotano intorno alla Public history in campo educativo. È responsabile scientifico del portale www.memoriedinfanzia.it.

Articoli: [38]Digitale e uso didattico del Patrimonio Culturale, tra laboratorio e linguaggi della Public History

Viviana Paga
Comitato di redazione

Viviana Paga, Open Art Image

Articoli: [39]Open Art Images: il primo sito d’arte open-access

Germano Paini
Comitato Scientifico

Germano Paini . Pianificazione strategica dell’innovazione, manager e coordinatore di progetti legati alle implicazioni tecnologiche, sociali e organizzative dell’innovazione. Programmazione strategica a favore della competitività del territorio. Gestione di progetti di integrazione tra Ricerca e Sviluppo governando l’interazione tra Ricercatori, Top manager e Professionisti a favore delle più innovative applicazioni dei risultati della Ricerca, con particolare riferimento ai campi della Data Analysis, dell’Artificial Intelligence e della Circular Economy.

Articoli: [40]Titolarità culturale

Vincenza Pellegrino

Vincenza Pellegrino. Docente di Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione e contrattista presso diversi Atenei italiani. Esperta di progettazione e realizzazione di percorsi e sperimentazioni didattiche, da sempre interessata alle problematiche dell’insegnamento e dell’apprendimento, ha sviluppato, nel tempo, una “passione” per le dinamiche dei processi cognitivi, che chiamano in causa l’educazione, come fattore determinante e formante di qualsiasi identità. È autrice di studi e pubblicazioni che pongono in rilievo il rapporto tra società, scuola e famiglia. La sua riflessione pone al centro l’allievo inteso come futuro cittadino e unico architetto del proprio destino e indaga le prospettive offerte dalla post-modernità, interrogandosi  sull’ adeguatezza dei modelli e dei metodi formativi che vengono proposti alle giovani generazioni

Articoli: [41]Reale/Virtuale

Francesca Pizzuti

Francesca Pizzuti, DiCultHer. Laureata a Roma in filosofia e studi teorico-crutici, attualmente  è analista biografica ad orientamento filosofico e socia SABOF. Da molti anni si occupa di editoria come redattrice e curatrice di testi. È autrice di diverse pubblicazioni soprattutto inerenti agli ambiti psicoanalitico e filosofico, con un’ottica che integra le due ” discipline”.

Articoli: [42]La rivalutazione della Magna Grecia – cultura, identità e appartenenza – nel rapporto fra tradizione e modernità

Michele Rak
Comitato Scientifico

Michele Rak, già membro dell’European Panel for the European Heritage Label (EHL),è un teorico delle dinamiche delle culture e della funzione dei linguaggi d’arte nel mutamento sociale. È un critico letterario, uno storico delle idee, uno degli studiosi europei del patrimonio culturale. Ha pubblicato studi sulla cultura della Modernità e sui suoi linguaggi d’arte: le feste, la tradizione letteraria, la pittura votiva, la fiaba, il teatro.

Articoli: [43]It takes two to tango

Stefano Ravizza

Stefano Ravizza

Articoli: [44]HACKATHON…? Direi Artigianato Digitale

Maria-Teresa Sagri

Maria Teresa Sagri. Primo Ricercatore INDIRE, Area per la ricerca sul Sistema scolastico.

Articoli: [45]Oltre alle risorse, un’idea di scuola

D. Paul Schafer

D. Paul Schafer (Presidente Onorario RWYC)

Articoli: [46]CARTA DI TOKYO

Fabiana Spinelli

Fabiana Spinelli.

Articoli: [47]Le fonti che non ti aspetti

Viviana Vitari Comitato di redazione

Viviana Vitari. Bibliotecaria, con orientamenti in Lifelong learning, filosofia della scienza, multimedia education, intercultura. E’ autrice di articoli e pubblicazioni sulle policy di sviluppo delle biblioteche pubbliche, dopo un primo e lungo imprinting mutuato dall’ambiente di lavoro presso una multinazionale. linkedIn/vivianavitari

Articoli: [48]Coworking pubblico. Gli spazi invisibili dell’apprendimento

Massimiliano Zane

Massimiliano Zane, Progettista culturale e Consulente per il Ministero della Cultura.

Articoli: [49]Un conto è la cultura in digitale, un conto è la cultura del digitale

Irene Zoppi
Coordinamento editoriale

Irene Zoppi, Laureata in Storia dell’arte con tesi in Storia della fotografia presso l’Università degli studi di Firenze. Ha collaborato con Archivi Alinari, Archivio Scala e l’archivio storico del Museo S. Ferragamo. Per la linea di ricerca “Valorizzazione del patrimonio storico” di Indire, con cui collabora dal 2015, la sua attività si è focalizzata sull’analisi, studio e cura della documentazione conservata presso l’Archivio storico con particolare attenzione riguardo alla documentazione fotografica, storica e iconografica. Altri interessi di ricerca riguardano: le pratiche di didattica per l’uso delle tecnologie applicate alla ricerca on line e in banche dati nell’ambito delle digital humanities, uso delle fonti storiche, tipiche e atipiche nella didattica, storia culturale della fotografia.

Articoli: [50]La sezione Digital Collections della Library of Congress, un modello per Indire

References

References
1 La cultura, il digitale e l’educazione alla complessità nella scuola del secondo ciclo
2, 26 La digitalizzazione della comunicazione museale
3 Didattica Digitale al Liceo Artistico Musicale “Foiso Fois” di Cagliari – Architettura e Ambiente: 3D Realtà Virtuale e Realtà Aumentata
4, 18, 38 Digitale e uso didattico del Patrimonio Culturale, tra laboratorio e linguaggi della Public History
5 La Conferenza sul futuro dell’Europa
6 Etnografie in rete. Comunità patrimoniali e digitale
7 Cultura y derechos humanos
8 Storytelling digitale in ambito culturale e il suo ruolo in ambito educativo
9 Visualizing Data. Apprendere dalle immagini
10 Contaminazioni digitali
11 Da periferie a centralità educative e culturali: il progetto la scuola allo schermo
12 La scuola e il futuro
13 I giovani, la scuola, il futuro
14 L’IA come esperienza del limite
15, 33 La pedagogia del patrimonio per ripensare il curricolo della piccola scuola. Il museo come terzo spazio educativo
16 European Summer University in Digital Humanities “Culture and Technology” – Leipzig University, 2nd- 13th August 2021
17 Ambienti digitali e sviluppo dell’audience nei musei. Monitoraggio dell’esistente e analisi delle potenzialità
19 ‘Evolución, historia y comunicación en un mundo digital’: un libro di Ramon Reig
20 Modelli virtuosi del passato per azioni pedagogiche contemporanee: il lavoro cooperativo di ‘raccontare una storia’ nella Sfida #HackCultura2021 n. 7 “Mille mani per una storia”
21 Así valoran los niños y niñas de Venezuela su Patrimonio Cultural y Natural
22 Le nouveau Bauhaus en faveur de l’émergence de la culture européenne
23 L’apprendimento dappertutto, per riequilibrare il rapporto tra naturale e artificiale
24 Performing Media, agire i media per non subirli
25 Il discorso interculturale fra educazione e società: una questione di forma mentis
27 La scuola italiana deve occuparsi di comunicazione digitale
28 Vita reale e virtuale si contaminano a vicenda, occorre educare i giovani in entrambi i mondi
29 Storia di un film breve che volò sullo schermo
30 Le parole allo schermo: Riflessioni a latere su una rubrica (im)possibile
31 Il lucernaio magico e sospeso negli anni venti del 2000. Il cinema a scuola come linguaggio inclusivo
32 Intervista a Piera Rossi, regista, autrice, scrittrice, donna di cultura
34 Gender mainstreaming, culture digitali, sostenibilità: da STEM a Digital SHTEAM
35, 42 La rivalutazione della Magna Grecia – cultura, identità e appartenenza – nel rapporto fra tradizione e modernità
36 Reconnecting With Your Culture. Draw your heritage (RWYC)
37, 46 CARTA DI TOKYO
39 Open Art Images: il primo sito d’arte open-access
40 Titolarità culturale
41 Reale/Virtuale
43 It takes two to tango
44 HACKATHON…? Direi Artigianato Digitale
45 Oltre alle risorse, un’idea di scuola
47 Le fonti che non ti aspetti
48 Coworking pubblico. Gli spazi invisibili dell’apprendimento
49 Un conto è la cultura in digitale, un conto è la cultura del digitale
50 La sezione Digital Collections della Library of Congress, un modello per Indire